Storia ed evoluzione dei gioielli

Storia ed evoluzione dei gioielli

Prima Parte: dal Paleolitico agli Etruschi

Origini

I primi reali segni di una presenza di gioielli nella storia dell’uomo si hanno circa 20000 anni fa, nel lontanissimo Paleolitico superiore (30000 – 15000 a.C.).
In questa fase della Preistoria, l’uomo non conosce ancora le diverse tecniche di lavorazione dei metalli, pertanto solo attraverso la manipolazione del legno e della pietra comincia a ricorrere con evidenza all’ornamento personale. L’attenzione, però, è dapprima rivolta essenzialmente ad oggetti di difficile reperibilità costituiti da: conchiglie, ciottoli, zanne di mammut, denti e corna di vari animali. Attraverso questi rudimentali monili, indossati al collo tramite foratura e il passaggio di una semplice corda, l’uomo vuole assumere le stesse caratteristiche fisiche e spirituali che contraddistinguono le sue prede.
Figura 1: Collana Preistorica in ossa e pietra. Credits: Alamy
Il “gioiello”, pertanto, nasce come mezzo di protezione ed elevazione dell’uomo[1]. Naturalmente, solo a seguito della rivelazione della metallurgia, si iniziano a conoscere e migliorare le diverse tecniche di trasformazione dei metalli. Il momento di maggior attenzione, in questo senso, è costituito dalla scoperta dell’oro e delle sue peculiarità. Questo metallo prezioso, infatti, non si ossida, è malleabile, inattaccabile dalla maggior parte dei composti chimici, non si arrugginisce ed ha un basso punto di fusione[2]. L’uomo risulta, sin da subito, ossessionato da questo nuovo metallo e numerose saranno le popolazioni che dedicheranno la propria vita alla sua lavorazione.
In tal senso, un’attenzione particolare meritano il popolo egizio ed etrusco.

Antico Egitto: la culla dell’oro

Sorta nella Valle del Nilo, la civiltà egizia ebbe la più lunga storia unitaria, politica e culturale, fra tutte le civiltà mediterranee, riuscendo a splendere e a sopravvivere per millenni (3900 a.C. – 342 a.C.). Nel corso degli stessi, numerosi furono i contributi nell’ambito dei metalli e dei gioielli, che vennero apportati da questa affascinante popolazione. Basti pensare alla tecnica della doratura o della fusione a cera persa. La prima, costituiva il processo mediante il quale veniva incollata o riscaldata una sottile lamina d’oro sopra un altro oggetto di materiale diverso. La seconda, invece, rappresentava il metodo con cui un oggetto, creato a mano e in cera, veniva ricoperto di gesso, eccetto due canali di entrata/uscita che venivano utilizzati come fori. Lo stampo veniva fatto fondere all’interno di un forno, in modo tale da permettere al gesso di indurirsi e alla cera di sciogliersi e fuoriuscire dai suddetti canali. A questo punto, veniva versato, all’interno dello stampo, il metallo fuso, al fine di assimilare la forma ricreata col gesso. Successivamente, quest’ultimo veniva rotto rimanendo, così, il modello originale in metallo[3].
Figura 2: Questo piccolo ma molto dettagliato amuleto sotto forma di un’egida (attributo a forma di collare) probabilmente mostra la testa della dea leone Sechmet. Credits: Alamy

 

Per gli Egizi l’oro rappresentava qualcosa di sacro, in quanto si credeva che fosse il materiale costituente il corpo degli dei; in particolar modo del dio sole, Ra. Gli ornamenti, pertanto, racchiudevano superstizione, magia e potere.
Le conchiglie, ad esempio, venivano largamente utilizzate nel Periodo Dinastico dalle donne egizie come protezione contro la sterilità.
Era la regione della Nubia, attraverso le sue miniere, a fornire alla società questo importante metallo che veniva utilizzato per diverse tipologie ornamentali. Basti pensare agli enormi bracciali o orecchini pendenti, ai diademi o alle corone, al sigillo o al pettorale tempestato di porcellane e pietre preziose[4]. Proprio in riferimento a quest’ultime, occorre sottolineare come gli “orafi”, in concomitanza alla lavorazione dell’oro, riservavano un’importanza non irrilevante ad esse. Il lapislazzuli veniva utilizzato per creare oggetti di culto, la corniola veniva sepolta con i defunti per rendergli un viaggio tranquillo nell’aldilà e lo smeraldo rappresentava la gemma per eccellenza.

Gli Etruschi come maestri orafi

Un’altra popolazione che, presso le civiltà antiche, eccelse nell’arte orafa fu quella etrusca.
Essi, tra l’ VIII e VII Secolo a.C., presentavano già un elevatissimo livello di qualità, sia nella lavorazione sia nell’estetica dei gioielli. I due modelli di orecchini che preponderavano nella cultura etrusca erano quelli decorati con la granulazione ed erano a forma di corno o bauletto. Riguardo a quest’ultima tecnica, iniziata dai Sumeri, e in seguito sviluppata dagli etruschi, essa consisteva nella lavorazione di minuscoli granuli d’oro per decorare i gioielli. L’oro veniva separato in sottilissime parti, unite a carbone in polvere, compresso e scaldato fino alla fusione, la quale provocava la forma di minutissime sfere. A seguito del raffreddamento, l’oro veniva sottoposto al lavaggio e successivamente le sfere venivano montate con una colla e saldate col calore.
Nell’antichità, tuttavia, non vi era solo l’oggetto plasmato in oro ma anche quello arricchito di pietre, smalti e ceramiche[5]. Fra i pendenti era invece diffusa la bolla, un ciondolo a forma di lente e la cui forma, secondo le tradizioni etrusche, proteggeva dagli sguardi malvagi riflettendoli ai mittenti. Le fibule, fibbie che fungevano da spille, erano anch’esse diffuse e decorate con disegni, a granulazioni lungo i lati e le estremità. Spesso come motivi decorativi di tali oggetti venivano utilizzate teste di satiri o di leone, sempre con funzione simbolica.
Gli Etruschi subirono numerose influenze nel corso dei secoli, ma riuscirono sempre a mantenere una propria identità nella creazione dei propri gioielli. Con l’avanzare degli anni gli orecchini diventarono sempre più grandi, gli anelli continuarono a mantenere la loro rilevanza, mentre si perse quasi del tutto l’utilizzo dei bracciali.
Intorno al 250 a.C. la civiltà etrusca venne assorbita dai Romani, ma continuò ugualmente a distinguersi dal suo popolo conquistatore, sia per la sua fantasia che per la sua precisione nei dettagli. Non a caso, i livelli artistici e tecnici di tale oreficeria furono talmente notevoli, da non poter essere eguagliati neppure ad oggi[6].
David Di Giglia

 

[1] Matteo Brega, introduzione, in Jauss, Breve apologia dell’esperienza estetica, Edizioni Mimesis, Udine 2011, p. 10.

Marco Spinelli, Il Disegno del Gioiello. Ed. eBook. 2016.

http://www.caprikronos.com/la-storia-e-levoluzione-dei-gioielli/#.XC0TB_ZFzIX

[2] Fabrizio Casu, Il gioiello nella storia, nella moda, nell’arte, Edizioni Europa, 2018, p. 1-15

Per approfondimenti in materia vedi: Alessandra Boccone, L’ oro nell’antichità: materiale, storia ed arte. Ed. eBook.

[3] Fabrizio Casu. Il gioiello nella storia, nella moda, nell’arte. Cit.

[4] Toby Wilkinson, L’antico Egitto. Storia di un impero millenario. Einaudi, 2012.

Maria Cristina Guidotti, Gioielli e Cosmesi nel Museo Egizio di Firenze. Giunti Editore. Firenze 2003. pp. 5-15.

http://www.sapere.it/enciclopedia/Egitto+%28civiltà+antica%29.html

[5] Sergio Cavagna, La storia del gioiello. Dagli egizi ai giorni nostri. Rassegna n. 18, inverno 2004/2005.

https://www.quinewsvolterra.it/volterra-gli-etruschi-e-i-loro-gioielli.htm

[6] I gioielli di Tharros: gli ori dei Fenici: [Catalogo della mostra tenuta a] Oristano, Palazzo Parpaglia, 13 dicembre 1990-24 febbraio 1991.

Per approfondimenti vedi: Mortira N. VanPelt, Gioielli moderni dal mondo antico. Ediz. Illustrata, Il Castello, 2016.

Fabrizio Casu, Il gioiello nella storia, nella moda, nell’arte. Cit.

Marco Spinelli, Il Disegno del Gioiello. Cit.

Articoli che ti potrebbero interessare:

Gli italiani fanno ricorso al Monte dei Pegni per prestiti immediati. Affide sospende la messa in asta di tutte le polizze scadute e non rinnovate...
CARTIER CRASH: Focus su un orologio senza tempo...
Ospitiamo con grande onore il contributo del professor Alessandro Serena* che nel testo riportato di seguito ripercorre la storia della celebre regina...

Lascia un commento